Cerca
hhc

HHC? ECCO PERCHE’ CONSIGLIAMO DI EVITARLO

Sono davvero molti i cannabinoidi derivati dalla canapa che negli ultimi anni sono apparsi nel mercato come – delta 8 THC, delta-O THC e delta-10 THC – ma nessuno di questi ha attirato l’attenzione come quella dell’HHC.

Cercare su Google il composto fa emergere una serie di informazioni contraddittorie: sulla sua legalità, sui suoi effetti sul corpo e persino se si trova naturalmente nella pianta di cannabis.

Dare un senso all’HHC è complicato in parte perché ha raggiunto il mercato solo di recente e solo una manciata (per fortuna) di rivenditori lo sta proponendo, principalmente sotto forma di vape cart e con la falsa convinzione di essere nella legalità.

Ma che cos’è l’HHC?
L’HHC è stato creato per la prima volta nel 1944 dal chimico americano Roger Adams, quando ha aggiunto molecole di idrogeno a Delta-9 THC. Questo processo, noto come idrogenazione, converte il THC in esaidrocannabinolo (HHC).

Mentre Adams ha creato l’HHC dal THC convenzionale derivato dalla cannabis, in questi giorni il cannabinoide è tipicamente derivato attraverso un processo che inizia con la canapa, la pianta di cannabis a basso contenuto di THC.

**(L’idrogenazione non si limita alla produzione di cannabinoidi. Un processo simile viene utilizzato per convertire l’olio vegetale in margarina.)

Ma come viene prodotto l’HHC?
È un processo che richiede molti passaggi.

Innanzitutto, il CBD viene estratto dalla canapa grezza, distillato e isolato sotto forma di polvere. Da lì le cose si fanno un po’ più complicate. Kyle Ray, direttore operativo di Colorado Chromatography, ha spiegato le fasi del processo utilizzato dalla sua azienda che, oltre a HHC, Colorado Chromatography produce anche CBG, CBN e altri composti specializzati.
Ray ha descritto la produzione di HHC come un processo proprietario che avviene all’interno di un reattore chimico. “Pensa al reattore come a una scatola nera”, ha detto Ray a Leafly. “Entra CBD, esce HHC.”
Ray descrive l’HHC come un “olio scuro dorato che raffiniamo da quella fase” prima di distillarlo.

Può essere prodotto in sicurezza solo in un laboratorio ben attrezzato. Ma se si aumenta la produzione aumentano anche i rischi. “Il rischio potenziale qui è con le esplosioni”, ha spiegato.
Kyle Ray, di Colorado Chromatography, ha notato che l’azienda produce il suo HHC solo in uno spazio “a prova di esplosione”. “Tutto è sotto controllo”, ha detto. “Non c’è potenziale per scariche elettrostatiche.”

Quali sono le differenze con il THC?

Sebbene l’HHC sia stato scoperto anche nella pianta di cannabis, le sue concentrazioni sono per natura molto basse. Per questo motivo, il composto è comunemente sintetizzato in laboratorio come derivato del THC. Per molti versi, HHC e THC sono simili, ma alcune differenze fondamentali distinguono i due composti.

Innanzitutto, HHC e THC hanno strutture chimiche diverse. Mentre il Δ-9 troviamo un doppio legame al 9° atomo di carbonio, nell’HHC non esistono.

L’HHC è creato dall’idrogenazione, quindi possiede due atomi di idrogeno aggiuntivi. Inoltre, al THC mancano un atomo di estere ed un legame di carbonio (Boston Hemp Inc., 2021). Queste piccole differenze rendono l’HHC un composto molto più stabile del THC e con una capacità di conservazione più lunga. Il THC si degrada naturalmente entro breve tempo in CBN se esposto al calore ed alla luce.

Un’altra importante differenza tra HHC e THC riguarda il fatto che il THC sia il più delle volte derivato dalla cannabis ricreativa/medica, mentre la maggior parte dell’HHC attualmente sul mercato deriva dalla canapa.

Quali sono gli effetti dell’HHC sul corpo e sulla mente?
Non ci sono opinioni e dimostrazioni univoche sulla potenza di HHC e sono poche le informazioni su come l’HHC agisca nel nostro corpo, ma i suoi effetti psicoattivi e la struttura chimica simile al THC suggeriscono che probabilmente si leghi ai recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2. Sono però necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli esatti meccanismi d’azione dell’HHC.

La complicazione deriva, in parte, dal fatto che quando viene prodotto il cannabinoide, il risultato finale è una miscela di due diversi tipi di molecole di HHC:  9R HHC che si lega attivamente ai recettori endocannabinoidi naturali del corpo, e 9S HHC che a causa della sua struttura molecolare diversa, invece non lo fa altrettanto bene.
“Quello che si adatta [nei recettori] produce effetti simili” come delta-8 THC, ma richiede una quantità molto più elevata per farlo, ha affermato Richard Sams di KCA Laboratories. “Con una dose sufficiente, si possono osservare effetti simili al THC”.

L’HHC è sicuro da consumare?
Come tutti i nuovi cannabinoidi derivati dalla canapa, non esiste una dose standard e poche o nessuna ricerca sugli effetti immediati o a lungo termine dell’ingestione di HHC.
Poiché i cannabinoidi derivati dalla canapa (incluso l’HHC) non sono soggetti alle normative sulla cannabis negli stati che l’hanno legalizzata, i produttori e i rivenditori di prodotti HHC non sono tenuti a testare la potenza e la purezza dei loro prodotti.

Proprio per il fatto che non ci siano attendibilità su estrazioni, analisi ne salubrità della molecola , The Sweed Brothers per questioni etiche e di trasparenza ha deciso di prendere le distanze da questo cannabinoide, e per chiunque fosse interessato a provare i prodotti con HHC, consigliamo sempre di effettuare attente ricerche. Ricordiamo che l’acquisto di HHC non è legale in Italia e consigliamo sempre di selezionare con molta attenzione i produttori da cui intendete acquistare per esser certi che i prodotti siano della massima qualità.

Alcune aziende che producono HHC rendono disponibili i risultati di test indipendenti per aiutarti ad avere informazioni appropriate sulla composizione dei loro prodotti. (prestare sempre molta attenzione alla veridicità delle analisi, dato appunto il poco interesse di analizzare il prodotto per il mercato).

Anche se c’è ancora molto da scoprire, speriamo che l’aumento della conoscenza sull’HHC possa contribuire a creare quella consapevolezza e quel grado di informazione necessario ad aumentare la consapevolezza su questa pianta.

L’HHC è legale?
Arriviamo alla domanda forse più spinosa di tutte: l’HHC è legale?

The Sweed Borthers vuole ricordare a tutti che, nonostante quello che si può trovare sul Web, la legge n. 309/90, nota anche come Testo Unico per gli Stupefacenti, prevede tra i reati all’art 14, comma 6 [1] la commercializzazione di composti di sintesi o semisintesi anche quando stupefacenti in termini di effetti simili al thc, e come evidenziato dalla giurisprudenza della Cassazione [2] anche se non iscritti in tabella possono essere sanzionati per i loro effetti stupefacenti
La relazione dell’incontro tecnico degli esperti [3] dell’EMCDDA ha evidenziato che l’HHC e i cannabinoidi correlati producono effetti psicotropi e rischi per la salute. Di conseguenza, la vendita di tali prodotti è vietata in Italia.


È fondamentale lavorare insieme per promuovere invece una regolamentazione efficace che favorisca una riduzione del danno e promuova un uso sicuro e responsabile della canapa, un prodotto che protegge la salute, valorizza le qualità del nostro territorio ed è destinato al benessere della comunità.

The Sweed Brothers Family

Cookie Policy Privacy Policy